COME CREARE UN GUARDAROBA A CAPSULE

18 MARZO 2020

Eccoci con il nostro appuntamento settimanale!


Innanzitutto voglio ringraziarvi per la grande partecipazione durante i workshop live dei giorni scorsi.

Sono davvero contenta di avervi fatto compagnia in questi giorni così “particolari”; personalmente mi ha fatto molto bene mi ha caricata di molta energia positiva! Come vi dicevo durante il live, fare pulizia, sistemare, ordinare può essere un compito faticoso che richiede molto tempo (oggi quello proprio non manca!) ma non solo. 

Mettere in ordine, classificare e riorganizzare gli indumenti e gli accessori, è così “faticoso” perché in fondo comporta un grande sforzo mentale.


Non si tratta solo di riordinare gli armadi, ma di riordinare le idee.

Quando riordiniamo una stanza o un armadio, non stiamo semplicemente spostando da una parte all’altra accessori o capi di abbigliamento oppure disfacendoci delle cose vecchie che non usiamo più. 

Stiamo riordinando le nostre idee, perché il nostro subconscio elabora i ricordi, le sensazioni, le emozioni legate a quegli oggetti o vestiti, rivivendo alcune situazioni e decidendo se ci sono utili oppure no.

“L’organizzazione inizia dall’eliminazione”

Quando decidiamo di tenere un accessorio è perché in qualche modo siamo ancora legati ad una serie di sensazioni che evoca, che possono essere sia felici che tristi.

Ma se le lasciamo andare, in qualche modo stiamo lasciando spazio al nuovo che verrà. Ci stiamo liberando di cose passate per far posto a cose nuove. 

“L’ordine è un elemento più importante di quanto si possa pensare”.

La verità è che mantenere uno spazio ordinato è una fonte di tranquillità e felicità.

Mantenere l’ordine nella vita ci aiuta anche a mantenere in ordine le nostre teste, stabilendo relazioni più efficaci e pratiche tra pensieri e idee.

Quindi, possiamo dire che creare spazio fisico nei nostri armadi significa creare spazio nella nostra vita per aprirci a nuove esperienze in modo più leggero e consapevole.

Solo se siamo coraggiosi e ci lasciamo alle spalle il passato con gratitudine, lasciamo lo spazio per nuove esperienze, il che ci permetterà di chiarire e riordinare le idee, vivendo più intensamente il presente e costruendo con speranza il futuro.

Attenzione però!

Eseguire questa pulizia bruscamente e senza la giusta preparazione non ci sarà per nulla di aiuto! 

Solo se siamo coraggiosi e ci lasciamo alle spalle il passato con gratitudine, lasciamo lo spazio per nuove esperienze, il che ci permetterà di chiarire e riordinare le idee, vivendo più intensamente il presente e costruendo con speranza il futuro.

Workbook - Guardaroba a capsule

Per questo ho creato per te il Workbook per aiutarti in pochi, semplici passi a costruire il tuo guardaroba a capsule!

Vedrai che sarà molto facile!

Quello che ti serve per iniziare è:

  • un letto o un tavolo sgombro su cui appoggiare tutto
  • un bloc notes e una penna
  • il tuo smartphone carico per fare le foto
  • una bella musica rilassante (o energizzante, dipende da te…)
  • una buona dosa di positività 
  • una grande energia
  • un colore pastello indossato. Meglio se viola o rosa o verde…ricordi? Rappresentano, rispettivamente, il colore del cambiamento, dell’amore incondizionato, della compassione, dell’innocenza e altri sentimenti nobili che siamo chiamati a risvegliare in questo momento
  • una grande tazza di caffè americano (lo adoro!!) 😊 

E se per caso è più difficile di quello che pensi, non ti preoccupare! Chiamami e vediamo come risolvere. 

SCARICA L'EBOOK PER INIZIARE A COSTRUIRE IL TUO GUARDAROBA A CAPSULE!

SCRITTO DA

Alessandra Boaro

CEO & FOUNDER STYLE FOR SUCCESS

Responsabile della creazione di programmi di formazione adatti a tutti i contesti in cui il tema centrale è la relazione fra le persone. In carico della pianificazione dei corsi, della ricerca e dello sviluppo di nuove metodologie di formazione, di individuare i migliori trainer sul mercato per gli specifici settori di appartenenza.Collabora attualmente, in qualità di consulente, con brand della moda e del lusso.

Alessandra Boaro